L'avvocato palermitanoda qualche anno si è scopertoraffinato (e apprezzato) artista.Dal 17 dicembre la sua prima mostra

L’arte può uscire fuori con forza anche se la vita e la professione ti obbligano al rispetto di una continua formalità fatta di codici, scadenze e relazioni.

È così che Alberto Gattuccio, brillante avvocato palermitano, scopre (e asseconda) la sua passione per la pittura. E lo fa da autodidatta, cominciando un percorso di sperimentazione del colore con la tecnica dell’arte “accidentale”. La sovrapposizione di pigmenti acrilici di diversa densità e l’uso di mezzi non convenzionali permettono che il quadro “si crei da sé”, riproducendo i mutevoli processi della natura. Nella sua più recente produzione si è aggiunto uno sguardo attento alla misura dello spazio e alla luce, con l’uso di paste a rilievo e pigmenti metallici.

I quadri di Gattuccio saranno esposti al pubblico nella sua prima mostra, “Strane idee” una bipersonale di tre giorni insieme alla pittrice Carla Allegra. Inaugurazione venerdì 17 dicembre, ore 18. 30, presso “Spazio Lolli” (piazza stazione Lolli, 18 Palermo).